Oltre la pulizia degli impianti fotovoltaici: quali anomalie evitare?
27 Febbraio 2020

Un impianto fotovoltaico, per essere efficiente, deve produrre energia. Quanto conta la sua pulizia? Come effettuarla e quando? Ma soprattutto, quanto questa attività di manutenzione ordinaria può aiutare a evitare anomalie e problemi di buon funzionamento?

Le principali anomalie a cui sfuggire

Qualsiasi pannello fotovoltaico riduce il proprio rendimento elettrico (dell’1%) già a partire dal primo anno di vita. La riduzione della portata elettrica, direttamente proporzionale al suo invecchiamento, aumenta durante il suo esercizio. Tuttavia, è senz’altro possibile evitare il cortocircuito della cella solare, causato dalla formazione di agenti ossidanti che distruggono i contatti metallici dell’intero sistema. E non è tutto: polvere e detriti, come tutto ciò che è attacca i pannelli solari, a causa di agenti atmosferici e fenomeni esterni può causare la perdita di efficienza progressiva e sempre più veloce.

Se non è sempre facile prevedere i problemi che alcuni agenti incidentali possono causare, è possibile e responsabile però fare qualcosa per evitare le anomalie più comuni.

Come intervenire in pulizia impianti fotovoltaici

La prima attività a cui si può e si deve pensare è la pulizia di moduli e celle. Procedere con la manutenzione programmata è infatti fondamentale per prendersi cura del proprio impianto. Non si tratta solo di pianificare gli interventi, scegliendo i periodi dell’anno e la frequenza di pulizia (che dipende anche da estensione e potenza dell’impianto), ma da come e cosa utilizzare.

Si tratta di metodo e di strumenti, di esperienza e di risultati!

Uno dei più stimati e richiesti sistemi di pulizia prevede l’utilizzo di acqua osmotizzata, ovvero acqua desalinizzata. Povera o priva di sostanze quali ammonio, silice, nitrato, sodio, calcio e piombo, si tratta di acqua maggiormente pura. Per la pulizia di impianti fotovoltaici l’acqua osmotizzata è in grado di detergere in modo efficace, evitando l’accumulo di detriti. E se l’acqua da sola non basta ci si munisce di spazzole certificate antigraffio.

Se una delle anomalie principali da evitare è l’effetto ombra, espressione con cui si indicano situazioni in cui i pannelli non sono in grado di produrre energia in quantità utile da portare vantaggio, puoi toglierti ogni dubbio e affidarti a un servizio di pulizia impianti fotovoltaici come quello di BG Service!